Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

Già esistono dei TO sostenibili,quali sono?cosa fanno per il turismo responsabile e sostenibile?

È giusto fornire loro il 'diritto di replica' senza cadere nell'out pubblicitario?

30 risposte su questo argomento
Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
1. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

per avviare questa discussione, riprendendo le parole di Reinhold Messner , sulle sue meravigliose dolomiti ..per riflettere sul ruolo che ciascuno ha, nel definire e portare avanti la "sostenibilità della proposta turistica e delle sur ripercussion.!!!

""Un sogno cullato da tanto tempo, trova realizzazione .Mi auguro che le Dolomiti, riconosciute come patrimonio dell’umanità dall’Unesco possano essere viste con nuovi occhi, come forma del Creato e come immensa ricchezza per tutti noi e non come una pura attrazione da cartolina o per Internet, per attirare solo un turismo di massa. In questo caso l’intenzione dell’Unesco otterrebbe un fine opposto.

La consapevolezza di questa eredità affidataci ci impegna direttamente ad assumerci delle responsabilità nei confronti di questo patrimonio e ci garantisce la presenza di un turismo maggiormente consapevole e sostenibile"

la responsabilità dei turisti...degli operatori...degli albergatori e dell'intera a comunità..

Cosa ne pensate???

come ciascuno sta o dovrebbe comportarsi?

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
2. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

provate a leggere questo codice Etico..e ditemi cosa ne pensate

http://nbts.it/index.php/it/ecoturismo.html

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
3. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

wwf.it/client/render.aspx?content=0&root=4091

http://www.viaggiambiente.com/

http://www.viaggiambiente.com/ambiente.html

ciascuno di questi link ci danno l'idea del punto di vista del WWF sul Turismo sostenibile...

non usate carta..risparmiatela...ma leggete!!!

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
4. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

Anche i dati e le statistiche posson darci una mano a capire!

«Turismo Sostenibile ed Ecoturismo» è un rapporto realizzato dalla Fondazione Univerde e Ipr-Marketing

Il campione di 1.000 persone utilizzato ha confermato che il turismo sostenibile è sempre di più in testa fra le scelte degli italiani. Infatti, l'83% lo considera una necessità e l 65% è preoccupato dai danni che un cattivo turismo può arrecare all'ambiente.

 Pensare di spendere un po' di più vuol dire investire in ambiente e aiutare tutta una filiera di produttori che si sta molto impegnando.

Ormai le scelte sono in questo senso, infatti, il 59% preferisce gli ambienti sani e incontaminati e solo il 23 pensa ai luoghi di svago.

Le principali motivazioni dei turisti italiani sono: conoscenza ed esplorazione (42%), arricchimento culturale (39% ma soprattutto donne), svago e divertimento (37%), molto poco sport e movimento (solo 5%).

La motivazione economica nelle scelte resta prevalente ma quasi raggiunta dalla motivazione ambientale (nel voto medio 7,1 a 6,8). Quello che colpisce di più come scelta di sostenibilità sono le energie rinnovabili, i menù bio e km zero nella ristorazione e poi i prodotti eco nella pulizia.

Ben il 35% dichiara di informarsi sulla sostenibilità ambientale delle strutture ricettive e quelli che lo fanno usano soprattutto internet. Il turismo sostenibile inizia ad essere conosciuto (63% lo conosce), ma è ritenuto assolutamente ancora poco praticato (83%) eppure super stimato, il 59% lo ritiene eticamente corretto. Inoltre ben l'83% lo ritiene una necessità o un'opportunità e il 56% pagherebbe qualcosa in più per la sostenibilità ambientale.

Gli hotel «verdi» sono preferiti dal 69% a parità di prezzo e dal 25% in ogni caso, solo il 6% si dichiara non interessato alla scelta ecologica degli alberghi. Resiste il ruolo centrale della ricettività alberghiera ma crescono B&B e agriturismi

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
5. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

http://www.planetviaggi.it/index.php

L'associazione

L'associazione culturale Planet-Viaggiatori responsabili nasce con l'obiettivo di promuovere e sviluppare il turismo responsabile in un'ottica di incontro, dialogo, scambio e solidarietà tra i popoli.

incontri e serate culturali di approfondimento e sensibilizzazione. Nei paesi del Sud del mondo visitati sostiene lo sviluppo di progetti di solidarietà legati al turismo.

 Planet-Viaggiatori responsabili assieme alla parte operativa rappresentata da Planet Team Viaggi è socia di Aitr, l'Associazione Italiana Turismo Responsabile..

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
6. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

www.aitr.org/index.php…

un buon libro per "imparare il Turismo responsabile"

sciù

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
7. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

www.planetviaggi.it/viaggi/view…

per l'Italia

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
8. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

una bella iniziativa

Workshop di reportage nel Nord del Dipartimento di Potosì – Bolivia

con Matteo Bertolino, in collaborazione con l’ONG “IPADE”

10-21 Luglio 2011

S4C propone un workshop in Bolivia dedicato al tema della fotografia e al suo ruolo nella cooperazione internazionale, realizzato grazie all’appoggio dell’O.N.G. Spagnola IPADE (“Instituto de Promociòn y Apoyo al Desarrollo”) e di Matteo Bertolino, cooperante e fotografo membro di S4C residente in Bolivia. Matteo ha una lunga esperienza sul campo e saprà, come pochi, accompagnare i partecipanti in un workshop dal taglio estremamente pratico e immerso nella realtà che si andrà a raccontare.

In questa galassia di acronimi che compongono la cooperazione internazionale allo sviluppo trovano posto, certamente come attori chiave, le organizzazioni non governative (O.N.G.); nonostante le decadi passate e gli innumerevoli progetti di sviluppo realizzati nei 5 continenti nel frattempo, l’opinione pubblica diffusa mostra ancora difficoltà nel comprendere esattamente perché, come e cosa una ONG concretamente fa in un paese “in via di sviluppo”; a causa di strategie di comunicazione di molte ONG non sempre chiare con riferimento ai loro obbiettivi, la postura dei media generalmente disinteressata, e uno scarso livello di dibattito critico sui grandi temi del mondo, la percezione del lavoro delle ONG è ancora (certamente oggi meno di ieri) ricca di miti e stereotipi, fantasie e confusioni.

Come evidenziato, generalmente, le ONG non investono particolarmente nella raccolta di immagini di qualità che possano rendere davvero “giustizia visiva” agli interventi, spesso innovativi, realizzati nel mondo; tendono piuttosto ad accontentarsi di qualche scatto frettolosamente rubato, tra un’attività ed un’altra, da un coordinatore di progetto. Documentare professionalmente la cooperazione e le sue pratiche è invece fondamentale, tanto per rendere le strategie di comunicazione esterne delle ONG maggiormente efficaci, quanto per sensibilizzare e contribuire a stimolare dibattito critico attorno alla realtà della cooperazione, e al ruolo che dentro di essa giocano oggi le ONG.

OBIETTIVO GENERALE:

Contribuire – attraverso la fotografia – alla generazione di conoscenza e di stimoli visivi capaci di generare dibattito critico attorno al ruolo delle ONG nel mondo della cooperazione internazionale.

OBIETTIVO SPECIFICO DEL WORKSHOP:

Avvicinare i partecipanti alla realtà concreta del lavoro sul terreno di un’ONG internazionale (IPADE in Bolivia), offrendo loro l’opportunità di documentarne attraverso la fotografia i progetti attualmente in corso nei municipi rurali d’intervento, così come di poter raccontare attraverso immagini un frammento di ricchezza del paese.

RISULTATI ATTESI:

1) I partecipanti documentano – attraverso la fotografia – alcune delle attività legate ai progetti di IPADE in corso in Bolivia;

2) I partecipanti familiarizzano con gli aspetti concreti legati al lavoro di un’ONG internazionale in zone rurali e isolate;

3) Una mostra fotografica – in Spagna ed in Italia – verrà realizzata con le migliori immagini selezionate dei partecipanti;

4) Fotografie selezionate dal workshop andranno a comporre l’archivio fotografico di IPADE – per i suoi fini di comunicazione;

5) Un blog sarà realizzato con il fine di rendere la mostra/l’evento accessibile ad un pubblico quanto più ampio possibile.

LUOGO DEL WORKSHOP:

Il workshop si terrà presso i municipi di “Toro-Toro” e “Acasio”, situati nel nord del Dipartimento di Potosì, Bolivia; si tratta di piccoli municipi rurali, immersi tra valli e alte montagne, abitati da comunità prevalentemente di etnia Quechua (Quechua parlanti).

PROGRAMMA:

Il programma prevede giornate di visite sul terreno, presso le comunità Quechua beneficiarie dell’intervento di IPADE nei municipi menzionati. Sarà possibile assistere allo svolgersi di alcune attività previste dal progetto, così come di documentare la vita e la realtà delle popolazioni di queste zone della Bolivia. Si familiarizzerà con i tecnici e con il personale locale di IPADE che direttamente gestisce le attività sul terreno, personale che ci accompagnerà nel nostro percorso visivo attraverso la realtà di un progetto di cooperazione. La sera sarà occasione per rivedere le fotografie scattate durante la giornata (editing), così come per discutere e analizzare l’esperienza vissuta; allo stesso tempo si selezioneranno poco a poco le migliori immagini che comporranno l’esposizione finale; ogni partecipante, infatti, dovrà raccontare, con un gruppo d’immagini, la sua esperienza, il suo reportage sulla cooperazione e sul lavoro che IPADE realizza quotidianamente sul terreno. Una giornata verrà dedicata a scoprire le bellezze nascoste della riserva naturale di “Toro-Toro”, capitale paleontologica della Bolivia.

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
9. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

IPADE è un’ONG internazionale fondata nel 1987, con sede a Madrid, Spagna, che fino ad oggi ha realizzato più di 200 progetti in 26 Paesi; le linee strategiche d’intervento di IPADE ruotano attorno alla produzione sostenibile, al turismo sostenibile, all’igiene e sanità, all’energia sostenibile ed alle pari opportunità. In Sud America è presente nella zona andina (Ecuador, Bolivia e Perù), impegnata nell’esecuzione di un programma nei 3 paesi finanziato dalla Agenzia Spagnola di Cooperazione (AECID). Per maggiori informazioni consultare la pagina: http://www.fundacion-ipade.org/

)

ATTENZIONE: data la natura del workshop e della zona dove si opererà, l’alloggio nelle zone rurali sarà garantito nelle strutture ricettive rurali disponibili in loco. Pur garantendo massime condizioni di sicurezza e di igiene, è richiesta capacità di adattamento e disponibilità ad adeguare il programma ed il tragitto in caso di imprevisti non altrimenti gestibili (ad esempio, in certe zone, i trasporti e gli orari sono poco prevedibili e pianificabili)

NUMERO PARTECIPANTI:

MAX 6 (è preferibile non superare questo numero per minimizzare l’impatto sulle comunità locali ed essere coerenti con lo spirito e la missione di IPADE).

Per registrarsi occorre compilare un modulo online.

Per ulteriori informazioni scrivete a workshop@shoot4change.net

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 15.979
Recensioni: 176
10. Re: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!

Ci sono diversi modi per creare del turismo sostenibile. Un esempio calzante è la riserva naturale Naboisho, in Kenya, dove la popolazione locale e i turisti convivono in maniera tranquilla e fruttuosa. Perché ad ogni safari, i Masai indigeni ottengono dei proventi che ne assicurano la continuità. A sostenerlo è un articolo del sudafricano Mail & Guardian. La riserva di Naboisho è l’esempio perfetto di come sia possibile conservare l’ambiente e sfruttare il maniera sostenibile il territorio.

La riserva in questione è stata fondata nel 2010 dai proprietari terrieri Masai in collaborazione con il Basecamp Foundation, un’organizzazione norvegese senza scopo di lucro impegnata nella tutela ambientale. Il fondatore dell’ente, Svein Wilhelmsen, ha avuto modo di apprezzare il territorio durante una vacanza in Kenya e ha deciso di collaborare per far crescere questa terra e la popolazione che la abita.

 

Malgrado la siccità che si fa sentire, spesso decimando il bestiame, questo progetto sta portando dei frutti notevoli. All’interno del parco naturale esiste una scuola per istruire i Masai a diventare guide turistiche per i safari. Gli animali, del resto, fanno la loro parte impreziosendo la bellezza della zona. Anche i souvenir aiutano questo popolo africano a sostentarsi e proseguire questa meravigliosa iniziativa, che suona già come tradizione. Il tutto, nel rispetto dell’ambiente!

Rispondi a: tour operator 'sostenibili'..quali?diritto di replica!!
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle tue domande