Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Pantelleria

palermo
post: 4.296
Recensioni: 92
Pantelleria

Pantelleria: per favore, non andateci!

scritto così sembrerebbe un post critico; lo scoprirete solo se andrete avanti nella lettura.

Per favore, non andateci se cercate spiagge,

ombrelloni,

folle urlanti,

ragazzi che giocano a pallone,

radio a palla,

pullman di turisti trafelati in pantaloncini,

chioschi, baretti, paninerie.

Se amate tutto ciò allora non andateci.

Non andateci e lasciate a noi che la amiamo il piacere di entrare in contatto con un piccolo pezzetto di paradiso.

Perché questo è Pantelleria: un piccolo pezzetto di paradiso in mezzo a un mare di un blu così profondo da provocare le vertigini.

Pantelleria è figlia del vento e con esso deve fare i conti ogni giorno: le viti crescono bassissime sul terreno nero di lava; gli ulivi raggiungono forse il metro di altezza, ma sono carichi di frutti che diventeranno oro giallo; far crescere un albero di agrumi è abbastanza difficile e quando timidamente uno di questi alberelli si affaccia dalla terra e sulla terra, immediatamente viene protetto da un muro di pietre, generalmente di forma circolare ma ne ho visti di quadrati, di rettangolari e anche di forma ellittica; sono i “giardini panteschi”, costruzioni geometriche di una eleganza unica, fatte a protezione di un bene che difficilmente potrebbe crescere senza.

Pantelleria è un’isola e la penuria d’acqua è atavica. Anche in questo caso l’uomo ha messo a frutto il suo ingegno e il suo senso creativo sfruttando una delle pochissime fonti d’acqua dolce: la pioggia.

La pioggia, benedizione o maledizione. In ogni caso va raccolta e conservata. Come? basta guardarsi intorno per notare le costruzioni tipiche dell’isola e cioè i dammusi. Piccoli, squadrati, bellissimi, con il tetto a cupola proprio per convogliare le acque piovane nei canali posti a perimetro dei tetti che, a loro volta, indirizzano tali acque nelle cisterne costruite in prossimità dei dammusi. Trovate queste costruzioni ovunque; ve ne sono di cadenti e di nuovissimi, spesso in posizione invidiabile, a strapiombo sul mare, affacciati sulla piana di Ghirlanda o di Monastero, che guardano Cala Levante e il sorgere del sole oppure allungano lo sguardo verso Scauri, verso il tramonto; verso l’Africa. Si, perché nelle giornate limpide si può scorgere all’orizzonte la linea del continente africano e, di sera, vedere il lampeggìo di due fari costieri che, come messaggeri, si scambiano quattro chiacchere con i loro colleghi in terra di Sicilia.

Pantelleria è un’isola, ma i suoi abitanti sono gente di terra, non di mare. Ovunque, persone operose e dai lineamenti siculi-nordici, vikinghi a volte, coltivano ogni pezzetto di terra disponibile usando un sistema di terrazzamenti che risalgono dal mare fino alle pendici del monte Gibele e della Montagna Grande e ogni appezzamento è delimitato dai muretti in pietra lavica strappata alla terra, una terra che ha colori nero-rossicci della lava, marrone del suolo, a cui si aggiungono le infinite tonalità di verde della lussureggiante vegetazione che si staglia contro il blu cobalto del mare; un mare perennemente presente ma con la consapevolezza di chi sa di non essere l’unico protagonista in questa isola dai mille colori e dai mille aspetti.

Chi vuole conoscere realmente l’isola e i suoi abitanti non può limitarsi a godere degli spettacoli della costa frastagliata o degli scorci meravigliosi offerti dal classico giro dell’isola in barca; no, deve fare altro. Deve andare a vedere il respiro dell’isola, sentirlo sulla propria pelle. Pantelleria è un’isola viva: al suo interno forze vulcaniche si muovono, si mescolano, si trasformano e si uniscono agli altri elementi: all’acqua del mare, formando le piscine naturali di acqua calda; alla terra, nei vulcanelli di fango delle favare; all’aria col suo respiro. Il suo respiro si vede avvicinandosi a una grotta; vi si arriva seguendo un sentiero a mezza montagna che butta lo sguardo sulla sottostante Piana di Monastero; seguendo il sentiero si arriva davanti a una grotta e da essa viene fuori….il respiro dell’isola: il vapore generato dal calore e dall’umidità nella grotta di Benikulà. Il suo interno è piccolo, ma l’effetto è garantito. Portatevi un costume, una tovaglia, se volete anche una spugna e una bottiglia d’acqua; entrate e purificatevi dalle tossine facendo attenzione al calore e alle pietre caldissime che vi sovrastano a poche decine di centimetri dalla testa. Fuori dalla grotta, una piccola terrazzina vi potrà offrire uno sguardo sul mondo sottostante.

Pantelleria: un’isola nel mare blu, con una gemma color turchese al suo interno: il lago Specchio di Venere. E’ l’unico posto in cui ci si può concedere una passeggiata sulla sabbia; la spiaggetta costeggia il lago e in alcuni punti l’acqua raggiunge temperature di quasi 60°C per via della presenza delle sorgenti termali. Non è infrequente vedere persone con il viso e il corpo impiastricciati di fango; le proprietà benefiche di tali fanghi sono note da tempi remoti.

Pantelleria, un’isola dove i quattro elementi hanno pari dignità. Vento, Acqua, Terra e Fuoco.

Il Vento che non smette mai di soffiare, di piegare, di sferzare, ma anche di accarezzare;

L’Acqua, quella del mare. Mare profondo, misterioso, inquietante, onnipresente; ma anche l’acqua dell’assenza dell’acqua e di tutto ciò che l’uomo realizza pur di averla;

La Terra; ricca, nera, costellata di verde, di giallo, di bianco;

Il Fuoco; lo senti sotto i piedi, nell’aria, tra i flutti del mare. Sai che c’è anche se non lo vedi.

Pantelleria…..

“…..nata da viscere di fuoco,

accolta dalle braccia del mare,

cullata da venti perenni.

Nella terra, rinnova di messe in messe la sua eternita`,

mentre tra le rocce del suo promontorio,

si nasconde il suo respiro" (la mia E.L.)

13 risposte su questo argomento
Italy
post: 3.328
1. Re: Pantelleria

una dichiarazione d'amore che lascia senza parole

palermo
post: 4.296
Recensioni: 92
2. Re: Pantelleria

ti ringrazio, fiaba

Treviso, Italia
Esperto locale
di Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Malesia
post: 1.067
Recensioni: 32
3. Re: Pantelleria

Questo non è un diario di viaggio ... è pura poesia!

Modificato: 17 marzo 2010, 15:23
palermo
post: 4.296
Recensioni: 92
4. Re: Pantelleria

ringrazio anche te, sofia, per l'apprezzamento che mostri nei confronti di questo post, pubblicato anche su guforama.

5. Re: Pantelleria

-:- Messaggio dallo staff di TripAdvisor -:-

Lo staff di TripAdvisor ha eliminato questo messaggio o su richiesta dell'autore o perché non conforme alle linee guida dei forum di TripAdvisor

Per leggere il regolamento dei forum di TripAdvisor, visita: http://www.tripadvisor.it/pages/forums_posting_guidelines.html

I messaggi che non rispettano le linee guida vengono cancellati, e TripAdvisor si riserva il diritto di cancellare messaggi senza spiegazioni.

Cancellato il: 30 novembre 2010, 15:34
 
Napoli, Italia
Esperto locale
di Napoli, Campania
post: 3.874
Recensioni: 72
6. Re: Pantelleria

situazioni contingenti a parte, dobbiamo ringraziare i Borbone che hanno regalato all'Italia questo straordinario pezzo d'Africa e d'Europa e ai panteschi che sono rimasti fedeli al loro "andamento lento", poco inclini allo sfruttamento turistico

lugano
post: 3
Recensioni: 30
7. Re: Pantelleria

Parto domani... ed ho le farfalle nello stomaco ed il cuore che batte forte... quest'isola mi ha affascinata ed attratta per anni... ed ora finalmente ci incontreremo! E' stato fantastico anticipare quest'incontro con la lettura di quanto hai scritto. Ci risentiamo al mio ritorno :-)

palermo
post: 4.296
Recensioni: 92
8. Re: Pantelleria

ciao titti,

parti senza aspettative, ma col cuore aperto

facci sapere al tuo ritorno

Torino, Italia
post: 110
Recensioni: 31
9. Re: Pantelleria

grazie x averci regalato questa splendida Poesia!

L'Italia è un posto Meraviglioso!

;-)

palermo
post: 4.296
Recensioni: 92
10. Re: Pantelleria

grazie a te :-)

Rispondi a: Pantelleria
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta