Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Prima erano ghetti ora poli turistici......

Riccione, Italia
Esperto locale
di Riccione, Vacanze in bici
post: 1.171
Recensioni: 58
Prima erano ghetti ora poli turistici......

Anche ai giorni nostri chi lascia il proprio paese nativo per cercare fortuna altrove (mi riferisco agli asiatici e africani) quando arriva a destinazione cerca di vivere in zone abitate quasi esclusivamente da conterranei.

In altre epoche nascevano quartieri dove gli abitanti provenendo dalla stessa nazione mantenevano tradizioni e potevano scambiarsi aiuti reciproci; "little Italy" e "Chinatown" sono la testimonianza di una difficile integrazione con la popolazione locale.

Ora questi quartieri si sono trasformati da ghetti a poli turistici, e se in Italia ci fossero little Senegal e Bangladeshtown?

Che ruolo hanno little Italy e Chinatown nelle grandi città del 2000?

Modificato: 16 febbraio 2013, 20:12
29 risposte su questo argomento
Roma, Italia
post: 6.951
Recensioni: 124
1. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Perdonami montanaro ma non ho ben capito...

in che senso i "ghetti" per immigrati si sono trasformati in poli turistici?

Cioè, la gente, i turisti si recano in una determinata città per visitare la chinatown o la little italy locale?

Ma chinatown e little italy non sono mai stati ghetti nel senso brutto del termine ma quartieri o aree marcati da una forte identità culturale e nazionalista.

Ed è normale, credo, che un migrante che giunge in un posto nuovo, che non conosce, più o meno accogliente con lo straniero, tenda a ricercare suoi connazionali anche per cercare aiuto nei primi momenti o anche dopo.

Non credo che le Senegaltown o le little Bangladesh, semmai esistano davvero, siano attualmente poli turistici.

Non confondiamoci puoi con il multiculturalismo che, credo, sia un'altra cosa.

Poi forse ho capito male io

Imperia, Italia
Esperto locale
di Il Caffè dei Viaggiatori
post: 1.438
Recensioni: 87
2. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Tocca, a malincuore, quotare @as....dice cose sagge (anvedi!?!?)...anche perché credo di non aver capito la domanda.....se però me la riformuli..grazie! (scusa, sarà che per me è ancora troppo presto per connettere il cervello...).

Riccione, Italia
Esperto locale
di Riccione, Vacanze in bici
post: 1.171
Recensioni: 58
3. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Ciao @marta, ciao @as , dovete scusarmi ragazzi, ma sono un povero montanaro con la quinta elementare. :))).

Premetto che ho usato la porola ghetto non in modo dispregiativo, parte della mia famiglia alla fine del 1800 si trasferì a New York e viveva nel village e loro l'hanno sempre chiamato in questo modo (ghetto).

Torniamo a noi, sono d'accordo con te @as quando dici che little italy e chinatown sono quartieri marcati da una forte identità culturale, o meglio lo sono ancora? oggi che ruolo hanno nelle città, quello che avevono tempo fà o assomigliano più a Gardaland?

Sono d'accordo anche quando dici che little Senegal e Bangladeshtown non esistono io ho esagerato, ma in certe città ci sono quartieri abitati esclusivamente da persone provenienti dallo stesso paese mantenendo tradizioni e a volte leggi del proprio paese d'origine.

Multiculturalismo?

Milano, Italia
Esperto locale
di Milano, Berlino, Dresden, Rapallo, Provincia di Milano
post: 22.362
Recensioni: 1.056
4. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

I primi cinesi sono giunti a Milano giusto 100 anni fa e da allora si sono concentrati in quella che oggi si chiama Chinatown, espandendosi sempre più. Oggi, invece, oltre che là, si trovano in tutta la città.

Altre concentrazioni ci sono tra magrebini e abitanti del Bangladesh, che tendono ad aggregarsi.

Roma, Italia
post: 6.951
Recensioni: 124
5. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Sono certo che oggi, le varie Little Italy, soprattutto quella più famosa di New York, abbiano perso le connotazioni culturali ed identitarie di una volta. Passano le generazioni, le radici si perdono, le culture si mischiano e si diluiscono.

I quartieri caratterizzati da una forte presenza di migranti, nelle nostre città, non credo che siano destinate a diventare "poli turistici" ed è proprio ciò che tu vuoi intendere con "poli turistici" che mi sfugge in questo discorso. Certo che i migranti portano con sè le proprie tradizioni (un pò meno forse le leggi... almeno non palesemente) e l'impare a conoscere queste tradizioni, traendone noi ricchezza e spunti per una buona convivenza e facendo altrettanto con le nostre nei confronti di persone provenienti da altri paesi, arricchendoci quindi, l'un l'altro questo credo che sia alla base del multiculturalismo

Venezia, Italia
Esperto locale
di Trasporto aereo, Discussione generale
post: 4.584
Recensioni: 41
6. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Concordo con as.

E per quanto riguarda il riferimento a Little Italy a New York, confermo che ormai quasi non esiste più, integratasi con il resto della città o piuttosto assorbita da altre culture.

Posso peraltro ben capire il termine “ghetto” usato dai parenti di montanaro trasferitisi a NY; era peraltro il lontano 1800 e si spera che la mentalità delle persone nel frattempo sia cambiata, andando via via a comprendere usi e tradizioni di altre persone provenienti da luoghi distanti –in tutti i sensi- da quelli ove uno è nato e cresciuto.

Modificato: 17 febbraio 2013, 11:40
Firenze, Italia
Esperto locale
di Yukon, Alaska, Columbia Britannica, Islanda, Groenlandia, Svalbard, Isole Fær Øer, Canada, Nunavut
post: 9.279
Recensioni: 39
7. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Se venite a P-L-ato, non distinguerete il Bisenzio dal Fiume Giallo.

Roma, Italia
post: 6.951
Recensioni: 124
8. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Puffin la comunità cinese a Prato è molto presente e radicata come del resto un pò in tutta Italia. I metodi con i quali li fanno lavorare, soprattutto connazionali, nell'industria tessile sono noti e potremmo parlarne per ore. Mi sfugge però ancora il nesso con i "Poli Turistici" di tutta questa discussione.

Firenze, Italia
Esperto locale
di Yukon, Alaska, Columbia Britannica, Islanda, Groenlandia, Svalbard, Isole Fær Øer, Canada, Nunavut
post: 9.279
Recensioni: 39
9. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Infatti, non esiste un polo turistico, ma un polo, anzi, numerosi poli, di clandestinità e di illegalità.

Roma, Italia
post: 6.951
Recensioni: 124
10. Re: Prima erano ghetti ora poli turistici......

Grazie anche ad alcune nostre leggi "illuminate". Ma qui mi fermo perchè non mi piace andare contro il regolamento del forum.

Rispondi a: Prima erano ghetti ora poli turistici......
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle tue domande